Torino, l’Intelligenza artificiale approda in Cardiologia

Studio – È straordinario il risultato di una ricerca coordinata dalla Cardiologia universitaria dell’ospedale Molinette di Torino, insieme all’Università e al Politecnico: gli autori hanno creato un nuovo sistema di classificazione del rischio di eventi futuri nei pazienti dopo un infarto usando sistemi di intelligenza artificiale

656
Ospedale Molinette - Città della Salute e della Scienza di Torino

L’assegnazione a Torino del Centro Italiano per l’Intelligenza Artificiale, che ha avuto la Diocesi torinese tra i suoi attori principali, segna una ulteriore tappa. È infatti straordinario il risultato di una ricerca coordinata dalla Cardiologia universitaria dell’ospedale Molinette della Città della Salute di Torino, insieme al Dipartimento di Informatica dell’Università di Torino ed a quello di Meccanica e Aerospaziale del Politecnico di Torino. Gli autori hanno creato un nuovo sistema di classificazione del rischio di eventi futuri nei pazienti dopo un infarto usando sistemi di intelligenza artificiale.

L’assoluta novità e la grande efficacia di questo nuovo approccio – passando dal 70% al 90% di capacità predittiva – sono valse alla ricerca la pubblicazione sulla rivista di medicina più blasonata al mondo, The Lancet.

“I pazienti con infarto miocardico acuto – spiega il dottor Fabrizio D’Ascenzo, coordinatore dello studio – sono ad altissimo rischio nei primi due anni. Abbiamo perciò cercato di migliorare la situazione utilizzando dati clinici riguardanti 23.000 pazienti, molti dei quali raccolti in Piemonte, che hanno fornito la massa critica di informazioni per la nostra ricerca”.

Entusiasta il rettore dell’Università Stefano Geuna: “La nuova frontiera scientifica che coniuga l’applicazione dell’intelligenza artificiale alla diagnostica in medicina è in grado di migliorare come mai prima d’ora la cura di patologie importanti e, più in generale, la qualità di vita di tante persone colpite da patologie gravemente invalidanti. Per arrivare a questi risultati possiamo contare su una ricerca capace di integrare innovazione tecnologica e conoscenze altamente specialistiche. Gli Atenei torinesi ed il nostro sistema sanitario condividono ormai una provata esperienza in questa direzione. Questo fa di Torino la sede ideale per ospitare l’Istituto Italiano di Intelligenza Artificiale”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

6 − cinque =