Addio a mons. Dho, Vescovo emerito di Saluzzo e Alba

Lutto – Martedì 31 agosto verso sera, dopo aver ricevuto la benedizione del vescovo Egidio Miragoli, si è spento all’«Istituto Santa Teresa» a Mondovì mons. Sebastiano Dho, Vescovo emerito di Saluzzo e di Alba. Fu consacrato vescovo il 24 agosto 1986 nella Cattedrale di Saluzzo dal cardinale Anastasio Alberto Ballestrero, allora Arcivescovo di Torino

146
Mons. Sebastiano Dho

«Addio a mons. Sebastiano Dho, un pastore con il Concilio nel cuore». Ha perfettamente ragione don Corrado Avagnina, direttore de «L’Unione monregalese», a porgere, con queste parole, l’ultimo saluto al monregalese di Fabrosa Soprana mons. Sebastiano Dho, che fu vescovo di Saluzzo e poi di Alba.

Martedì 31 agosto 2021 verso sera, dopo aver ricevuto la benedizione del vescovo Egidio Miragoli, si spegne il vescovo emerito amorevolmente assistito all’«Istituto Santa Teresa» a Mondovì Piazza. Il 24 agosto aveva raggiunto e tagliato i 35 anni di episcopato: fu ordinato vescovo nella Cattedrale di Saluzzo dal cardinale Anastasio Alberto Ballestrero, arcivescovo di Torino.

Sacerdote e moralista di vaglia sulla famiglia – Nato a Frabosa Soprana (Cuneo), diocesi di Mondovì, il 16 maggio 1935; ordinato sacerdote il 29 giugno 1958; eletto vescovo di Saluzzo il 5 luglio 1986, ordinato vescovo il 24 agosto; trasferito ad Alba il 3 luglio 1993; emerito il 28 giugno 2010. Giovane prete, è viceparroco a Niella Tanaro e poi a Murazzano. Docente di Teologia morale nel Seminario maggiore di Mondovì, allo Studio Teologico interdiocesano di Fossano per le diocesi cuneesi e alla Facoltà teologica a Torino. Si ricorda il suo insegnamento rigoroso anche all’Istituto piemontese di Teologia pastorale, che spiegò il Concilio Vaticano II (1962-65) ai preti subalpini. Nei 20 corsi per operatori di pastorale familiare, con il prof. Paolo Sacchi («La famiglia nell’ebraismo») e don Giuseppe Ghiberti («Problemi e indicazioni sulla famiglia emergenti dal Nuovo Testamento»), don Sebastiano Dho affronta «Per un’etica cristiana della famiglia». Altrettanto lucide le sue posizioni sul matrimonio e sull’aborto e sui referendum (12 maggio 1974 e 17 maggio 1981). Vicario generale del vescovo mons. Massimo Giustetti.

Direttore del settimanale diocesano in tempi difficili – Nel 1969 mons. Dho è incaricato, quale direttore, di occuparsi de «L’Unione Monregalese» in tempi difficili per il giornale diocesano. Lascia la direzione nel 1973, per venirne incaricato nuovamente nel 1976 al 1981. «E scoprì – scrive don Avagnina – tutti i suoi talenti insospettati nel campo dell’informazione locale, dando un timbro significativo alle pagine del settimanale». Incontra don Franco Peradotto, direttore del settimanale diocesano «La Voce del Popolo» di Torino e gli altri direttori dei settimanali piemontesi. Nell’aprile scorso gli omaggiai il mio ultimo libro sul diaconato. Mi ringraziò: «Anche se non ho ancora letto tutto (i vescovi in pensione grazie a Dio anche se a ritmo rallentato qualche ministero tentano di svolgere!) mi pare che sei riuscito come sempre a rendere al vivo questa bella testimonianza diaconale di un fratello del profondo Sud in anni caldi e fecondi. Sono stato particolarmente interessato alla rievocazione di tanti e cari sacerdoti impegnati generosamente e coraggiosamente nella Chiesa torinese conosciuti e, bontà loro, veri amici. Richiamo in particolare Franco Peradotto. Con lui ho condiviso l’incarico di direttore del settimanale diocesano e poi soprattutto di vicario generale, sempre ammirandone e ricevendone esempio di vita personale e pastorale intelligente e generosa». Vari preti giornalisti sono diventati vescovi in Piemonte o altrove: Vittorio Bernardetto (Ivrea), direttore «Il Risveglio Popolare», vescovo Susa; Sebastiano Dho (Mondovì), a Saluzzo e poi ad Alba; Arrigo Miglio (Ivrea), direttore «Il Risveglio Popolare», vescovo di Iglesias, poi di Ivrea, infine di Cagliari 2012; Giulio Nicolini (Brescia), vicedirettore Sala Stampa vaticana, vescovo Alba e poi di Cremona; Pierfranco Pastore (Novara), caporedattore «Radio Vaticana», vicedirettore Sala Stampa vaticana, vescovo segretario Pontificio Consiglio comunicazioni sociali; Angelo Fausto Vallainc (Aosta), Ufficio Stampa Concilio, direttore Sala Stampa vaticana, vescovo ausiliare di Siena e poi vescovo di Alba; Germano Zaccheo (Novara), condirettore «L’Azione» di Novara, vescovo Casale Monferrato.

I vescovi Miragoli e Pacomio «Lo affidiamo al Buon Pastore» – Vescovo emerito rientra a Mondovì, prima in Seminario e poi all’«Istituto Santa Teresa» a Piazza. Finché la salute lo sorregge, vive con disponibilità e discrezione, condividendo momenti di riflessione, confronto e approfondimento; mettendo a frutto i suoi talenti teologici; sostituendo presbiteri nel ministero pastorale e cooperando per le celebrazioni delle cresime. Con delicatezza, sino alla fine è vicino e presente, presso famiglie con portatori di gravi handicap. Il vescovo Miragoli afferma: «Lo affidiamo riconoscenti alle braccia misericordiose di Gesù Buon Pastore, che ha fedelmente servito nella Chiesa». Il vescovo emerito Luciano Pacomio: «Oltre ai molteplici servizi prima dell’episcopato, è stato poi a Mondovì lunghi anni come vescovo emerito, sempre affabile, pronto per ogni servizio e aiuto, dignitoso di fronte alle sofferenze nelle prove per la salute. Vescovo innamorato del Concilio, abbia la nostra preghiera fiduciosa nel Signore Gesù. Lo unisca a sé nella gioia e nella pace dei giusti e lo renda intercedente per tutte le persone che ha servito ed amato. Maria, Regina del Monte Regale, avvalori la nostra preghiera».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

9 + sette =