Assedio a Gaza, l’Europa: “Pausa umanitaria”

Medio Oriente – Israele rinvia le operazioni di terra nella striscia per dare tempo ai negoziati: si tratta sugli ostaggi. Gli Usa inviano consiglieri militari, forti dell’esperienza maturata contro l’Isis. Sale il bilancio delle vittime: 6 mila palestinesi morti e oltre 15 mila feriti. Raid in Cisgiordania

117
Foto Sir

Bombe, esplosioni, incendi, crolli: dal 7 ottobre, le notti di Gaza si susseguono letali e terrificanti. Ma quella tra lunedì e martedì è stata la più cruenta: centinaia di incursioni e centinaia di vittime, testimoniano fonti palestinesi, che parlano di 50 morti in una sola ora di attacchi israeliani e oltre 500 nell’intera giornata. L’attesa dell’operazione di terra si prolunga: potrebbe scattare da un istante all’altro, ma pare al momento sospesa, per «ragioni tattiche e strategiche», spiegano fonti militari israeliane. L’obiettivo resta «spazzare via» – il linguaggio è israeliano – Hamas, equiparata all’Isis.

Per leggere l’articolo di Giampiero Gramaglia acquista La Voce e il Tempo di domenica 29 ottobre 2023 nelle edicole di Torino e prima cintura

PER ABBONARSI e LEGGERE ON LINE 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome