Benedetto XVI e il Piemonte

Otto anni di pontificato – Benedetto XVI decreta 7 beati e 6 venerabili subalpini di nascita o di attività; cambia metà dell’episcopato piemontese, compreso l’Arcivescovo di Torino; nomina 6 cardinali pedemontani; compie una sola visita in Piemonte, a Torino, il 2 maggio 2010 per venerare la Sindone

117

In quasi otto anni di pontificato, Benedetto XVI decreta 7 beati e 6 venerabili subalpini di nascita e/o di attività; cambia metà dell’episcopato piemontese, compreso l’arcivescovo di Torino, vescovi che riceve in «visita ad limina»; nomina 6 cardinali pedemontani; compie una sola visita in Piemonte, a Torino il 12 maggio 2010 per venerare la Sindone. Benedetto XVI rallenta ritmo e numero di beati e santi e decentra le beatificazioni, riservandosi le canonizzazioni. Ammira e cita i santi subalpini: Eusebio di Vercelli, Massimo di Torino, Giuseppe Benedetto Cottolengo, Giuseppe Cafasso, Giovanni Bosco, Leonardo Murialdo, Luigi Orione, Pier Giorgio Frassati, Chiara «Luce» Badano.

SETTE BEATI E SEI VENERABILI – 19 dicembre 2005, venerabile Carlo (Giovanni Francesco) Bascapè (1550-1615), vescovo; 26 giugno 2006, venerabile Luisa Margherita (Celina) Claret de La Touche (1868-1915), religiosa; 23 ottobre 2006, venerabile Margherita Occhiena vedova Bosco (1788-1856), laica; 14 aprile 2007, beato Luigi Boccardo (1861-1936), sacerdote; 2 giugno 2007, venerabile Maria Caterina (Luigia Maria Elisabetta Lavizzari) di Gesù Bambino (1867-1931), religiosa; 18 novembre 2007, beato Antonio Rosmini Serbati (1797-1855), sacerdote;

15 marzo 2008, venerabile Mariano (Paolo Rovasenda) da Torino (1906-1972), sacerdote;19 dicembre 2009, venerabile Giuseppe Quadrio (1921-1963), sacerdote; 25 settembre 2010, beata Chiara «Luce» Badano (1971-1990), laica; 26 giugno 2011, beata Enrica (Maria Angela) Alfieri (1891-1951), vergine; 17 settembre 2011, beato Francesco Paleari (1863-1939), sacerdote; 23 ottobre 2011, beata Alfonsa Clerici (1860-1930), vergine; 2 ottobre 2011, beata Antonia Maria Verna (1773-1838), vergine; 11 maggio 2013, beato Luigi Novarese (1914-1984), sacerdote.

DA POLETTO A NOSIGLIA – «La storia rivela quanto l’antica e veneranda Chiesa torinese si segnali nel popolo di Dio: i fedeli hanno offerto molte testimonianze di pietà e di virtù cristiane. Questa singolare storia richiede di riservare una speciale attenzione alla nomina del nuovo arcivescovo dopo la rinuncia dell’ultimo pastore. Per questo rivolgiamo il nostro pensiero a te, venerabile fratello, stimando di non poco conto le virtù con le quali finora hai governato il gregge di Vicenza, e ti riteniamo idoneo a guidare questa comunità. Sciolto dal legame con la precedente Chiesa, ti nominiamo arcivescovo metropolita di Torino». Il decreto di nomina di mons. Cesare Nosiglia e di accettazione della rinuncia del predecessore Severino Poletto, prorogato per 31 mesi, è dell’11 ottobre 2010, 48° dell’inizio del Vaticano II.

RINUNCE E NOMINE – Cambiano 8 vescovi su 17. Oltre Nosiglia-Poletto, Giuseppe Cavallotto succede a Natalino Pescarolo come vescovo di Cuneo e Fossano (24 agosto 2005); Giuseppe Versaldi a Fernando Charrier ad Alessandria (4 aprile 2007); Alceste Catella a Casale Monferrato (15 maggio 2008) dopo la morte di Germano Zaccheo; Giacomo Lanzetti, già ausiliare di Torino, ad Alghero-Bosa e poi ad Alba al posto di Sebastiano Dho (28 giugno 2010); Franco Lovignana a Giuseppe Anfossi ad Aosta (9 novembre 2011); Franco Giulio Brambilla, da ausiliare di Milano al posto di Renato Corti a Novara (24 novembre 2011); Arrigo Miglio da Ivrea a Cagliari (25 febbraio 2012); l’oratoriano Edoardo Aldo Cerrato vescovo di Ivrea (28 luglio 2012); Guido Gallese succede a Giuseppe Versaldi ad Alessandria (20 ottobre 2012). Originari del Piemonte in altre sedi: il vercellese Gianni Ambrosio vescovo di Piacenza (22 dicembre 2007); il casalese Luigi Bianco arcivescovo e nunzio apostolico (21 gennaio 2009); l’acquese Piero Pioppo arcivescovo e nunzio (25 gennaio 2010); il fossanese Giorgio Lingua arcivescovo e nunzio (4 settembre 2010); il salesiano torinese Flavio Giovenale vescovo di Abaetetuba in Brasile (19 settembre 2012); l’agostiniano albese Giovanni Scanavino rinuncia a Orvieto-Todi (5 marzo 2011).

CARDINALI E VISITA AD LIMINA – Giovanni Coppa di Alba e Giovanni Lajolo di Novara (24-25 novembre 2007); Paolo Sardi di Acqui (20-21 novembre 2010); Giuseppe Bertello di Ivrea, Giuseppe Versaldi di Vercelli, alessandrino Domenico Calcagno (18-19 febbraio 2012). Ai pastori del Piemonte, in «visita ad limina Apostolorum» (5-10 marzo 2007), dice: «La fede si confronta con molte sfide, tendenze agnostiche, pretesa autonomia etica e morale. Non è facile annunciare e testimoniare il Vangelo. Ma permane nel popolo un solido substrato spirituale che si manifesta nella vita cristiana, nel bisogno di Dio, nella riscoperta della preghiera».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome