Consolata e San Giovanni, le nostre feste

Programma – Le celebrazioni e le iniziative per la festa della Consolata, patrona della diocesi, martedì 20 giugno, e per la solennità di San Giovanni Battista, patrono della Città di Torino, sabato 24 giugno. GALLERY PROCESSIONE CONSOLATA

266

Festa della Consolata

Con l’invito ad allineare lo sguardo ad un Dio che «irrompe nella vita degli uomini per i poveri, i perseguitati» l’Arcivescovo Repole lunedì 12 giugno, nel secondo giorno della Novena della Consolata,  ha dato inizio ai pellegrinaggi delle Unità pastorali che giorno dopo giorno si preparano al giorno solenne della festa, martedì 20. Un inizio dei pellegrinaggi in cui è stato affidato alla Consolata proprio il nuovo cammino che parrocchie e comunità sono state invitate ad avviare secondo le linee presentate nella Convocazione diocesana del 9 giugno. Preghiera per i cambiamenti, i sacerdoti e le comunità che si aggiunge alle preghiere che proprio nei pellegrinaggi vengono «offerte all’altare» e che nel giorno della festa saranno deposte di fronte alla statua della Vergine e al quadro, per affidarle alla Sua intercessione. Nel primo pellegrinaggio anche la preghiera per il nuovo superiore dei Missionari della Consolata – padre James Bhola Lengarin,  eletto proprio il 12 giugno e che nei prossimi giorni con i confratelli del Capitolo – analogamente alle Missionarie che lo hanno appena concluso – passeranno dal Santuario proprio per affidare alla Patrona le nuove sfide della congregazione.

La Novena si concluderà il 19 giugno, nei giorni 15 e 16 come nei precedenti  saranno particolarmente evidenziate le celebrazioni alle 17.15 del Rosario e (nei feriali) la Messa alle 10.30 celebrata dal rettore, e si terranno gli ultimi due pellegrinaggi zonali rispettivamente  il 15 giugno il Distretto Torino Ovest e il 16 giugno il Distretto Torino Sud-Est (rosario alle 17.15 e messa alle 18). Sabato 17 giugno si recheranno in pellegrinaggio le Comunità etniche.

Domenica 18 giugno le Messe saranno celebrate secondo l’orario festivo: ore 8.30 – 10 – 11,30 – 16 – 18 – 19.30; la vigilia, lunedì 19, le Messe saranno celebrate secondo l’orario feriale estivo: ore 8 – 9 – 10.30 – 12 – 18. Il 20 giorno solenne della festa la statua processionale sarà all’esterno e il quadro della Consolata verrà collocato vicino all’ingresso maggiore del Santuario: «è il segno che la Consolata accoglie quanti vengono a far festa per Lei e con Lei». Le celebrazioni saranno: alle 6.30 Messa presieduta da padre Carmine Arice, Superiore Generale del Cottolengo, con la Piccola Casa della Divina Provvidenza e la Comunità parrocchiale di Sant’Agostino Vescovo; alle 8 Messa presieduta dal can. Ferruccio Ceragioli, rettore del Seminario, con i sacerdoti novelli ed i seminaristi; alle 9.30 Messa presieduta da mons. Alessandro Giraudo, Vicario Generale e Vescovo Ausiliare; alle 11 Messa presieduta da mons. Roberto Repole, Arcivescovo che alle 12 presiede la supplica; alle 12.30 Messa presieduta dal Rettore, alle 16 Messa con i Missionari e le Missionarie della Consolata; alle 17.15 Rosario presieduto dal rettore; alle 18 Messa presieduta da Mons. Cesare Nosiglia, Arcivescovo emerito. Alle 20.30 la tradizionale processione presieduta da mons. Repole per le vie del Centro storico.

Alle 22.30 terminata la processione, sarà celebrata l’ultima . Messa, presieduta da don Michele Viviano, rettore della Basilica di Maria Ausiliatrice.

Coloro che non possono raggiungere personalmente il Santuario hanno comunque sempre la possibilità di partecipare alla preghiera che si svolge nella Basilica attraverso il sito internet: www.laconsolata.org (cliccando su web tv diretta streaming).

Federica BELLO 

Festa di San Giovanni Battista 

Un concerto di musica classica al cimitero Monumentale aprirà, nel pomeriggio di giovedì 22 giugno, la serie di eventi organizzati per la festa del Santo Patrono di Torino. A seguire, tra le altre iniziative, il giorno successivo, il 23, si rinnoverà l’annuale appuntamento con il tradizionale farò in piazza Castello. L’accensione (ore 22) sarà preceduta (a partire dalle 18.30) dalla classica sfilata del corteo storico in costumi d’epoca lungo le vie del centro cittadino.

In onore del Patrono la Messa solenne presieduta dall’Arcivescovo nella Cattedrale il 24 giugno alle 10.30 con la tradizionale distribuzione dei «Pani della Carità» a cura dell’associazione Famija Turineisa e l’esibizione della Banda del Corpo di Polizia Municipale di Torino, poi la Messa delle 18 presieduta da don Silvio Cora che dal prossimo 1° settembre sarà parroco del duomo. Nella giornata, dalle 9.45 alle 19.30, la rassegna di concerti campanari «Campane in festa per San Giovanni» curata da CampaneTO in collaborazione con l’Arcidiocesi di Torino e il Sermig.

Al termine della giornata, sarà la volta dello spettacolo con i fuochi d’artificio sul Po (alle 22.30 davanti a piazza Vittorio Veneto) che chiuderà la tre giorni di festa cittadina.

Il concerto del 22 si terrà alle 17.30 all’ingresso principale del cimitero Monumentale, lo storico luogo di sepoltura costruito nella prima metà dell’Ottocento per iniziativa del marchese Carlo Tancredi Falletti di Barolo. L’orchestra Melos Filarmonica insieme alla Corale Stefano Tempia, 65 elementi tra orchestrali e coristi, eseguiranno l’«Inno della natività di San Giovanni Battista» del compositore Orlando Di Lasso, l’ «Hallelujah» dal Messiah di Georg Friedrich Handel, la Suite No.3 per orchestra di Johann Sebastian Bach e per concludere, in omaggio al sacro luogo che funge da teatro a cielo aperto per il concerto, il «In Paradisium» dal Requiem di Gabriel Faurè.

Mauro GENTILE

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome