Da Chieri a Torino i panieri agricoli di “CiòCheMangio”

Economia circolare – Otto coltivatori e un produttore di trasformati agricoli con aziende sulla collina torinese; una sessantina di soci e l’Aps CiòCheVale nata per promuovere lo sviluppo sostenibile nel chierese. Questo è “CiòCheMangio”, Comunità di Supporto all’Agricoltura, che ha mosso i primi passi nel 2022 a Chieri e che ora vuole allargare il progetto nel capoluogo subalpino

493

Otto coltivatori e un produttore di trasformati agricoli, tutti tra i trenta e i quaranta anni, con aziende sulla collina torinese; una sessantina di soci, ciascuno in rappresentanza di una famiglia e l’Aps (Associazione di promozione sociale) CiòCheVale nata per promuovere lo sviluppo sostenibile nel chierese. Questo in estrema sintesi è CiòCheMangio, Comunità di Supporto all’Agricoltura, che ha mosso i primi passi nel 2022 a Chieri e che ora vuole allargare il progetto nel capoluogo subalpino, in collaborazione con le Case di Quartiere, associazioni sul territorio e GasTorino.

«A maggio soci e produttori si riuniscono in assemblea per pianificare la produzione destinata alla Comunità da settembre a giugno», spiega Pietro Liotta, tra i fondatori di CiòCheVale, «e che andrà ad alimentare i tre panieri mensili da 5,5-6 chili caduno che per dieci mesi saranno consegnati ai soci di CiòCheMangio».

Ogni socio versa un corrispettivo di 450 euro all’anno. Una volta alla settimana, entro le 13, i produttori consegnano frutta e verdura presso il vivaio Garden Le Serre in via Bogino 14 A, a Chieri, che ha messo a disposizione gratuitamente uno spazio; i volontari dell’associazione preparano i panieri singoli e nel pomeriggio i soci passano a ritirarli.

«In primavera organizziamo eventi nelle cascine dei produttori», racconta Liotta, «in modo che i soci possano conoscere direttamente gli agricoltori e approfondire le metodologie di coltivazione. Aderire a CiòCheMangio è semplice, si può scrivere a info.ciochevale@gmail.com oppure mandare un messaggio Whatsapp al numero 351.9521680».

L’Aps CiòCheVale, costituita nel 2016, conta oggi 230 soci e promuove l’economia circolare e la sostenibilità ambientale anche con il progetto «Pistaaa», che coinvolge direttamente 40 Comuni della Collina torinese che garantiscono la manutenzione di sentieri e strade bianche percorribili solo a piedi o in bicicletta.

I volontari dell’Aps mappano il territorio censendo aziende agricole, artigiani e punti di ristoro e accoglienza che assicurano l’utilizzo di prodotti locali. Informazioni che sono accessibili tramite i Qr Code sui cartelli che i volontari stessi posizionano sui sentieri e che rimandano al portale https://pistaaa.org, vera e propria miniera di informazioni su tutto quanto il territorio offre. Attualmente sono 33 i Comuni che hanno aderito al portale, 9 hanno già completato percorsi, gli altri stanno raccogliendo ed elaborando i dati.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome