Davanti al Duomo di Torino quattro tende per i senza dimora

La visita dell’Arcivescovo – Nel tardo pomeriggio di giovedì 3 febbraio mons. Cesare Nosiglia si è recato in visita alle strutture temporanee di accoglienza notturna allestite in piazza San Giovanni a Torino, davanti al Duomo, grazie alla sinergia fra Comune, Caritas Diocesana e Croce Rossa. GALLERY

164

Nel tardo pomeriggio di giovedì 3 febbraio l’Arcivescovo di Torino, mons. Cesare Nosiglia, si è recato in visita alle strutture temporanee di accoglienza notturna allestite in piazza San Giovanni a Torino, davanti al Duomo. Di seguito pubblichiamo la dichiarazione rilasciata da mons. Nosiglia a margine della visita:

«Cari amici sono lieto di visitare queste tende che offrono alle persone senza dimora una accoglienza dignitosa in questo sito importante perché vicino a piazza San Giovanni.

Le tende sono qui non solo per risolvere un problema ma per venire incontro a delle persone, nostri concittadini che vivono particolari situazioni di disagio. Bisognava rispondere all’emergenza freddo, ma bisognava anche dare un segnale di attenzione, e di vicinanza.

Le tende sono qui perché c’è stata un’ampia e impegnativa sinergia fra le istituzioni cittadine, il sindaco Lo Russo, gli assessori Rosatelli e Pentenero, il prefetto Raffaele Ruberto. La Chiesa si è impegnata attraverso la Caritas, con la Croce Rossa e le associazioni che hanno lavorato con le molte realtà del volontariato cattolico e non solo, per offrire tutti quei servizi di accompagnamento alle persone che fanno parte della accoglienza nei dormitori e anche sulla strada. Non posso nominare tutte le organizzazioni impegnate, ma vorrei ringraziarle davvero di tutto cuore.

Il senso dunque di queste tende è sì di affrontare una emergenza, ma è soprattutto quello di continuare e rinforzare un discorso, un dialogo, una relazione con le persone senza fissa dimora. Se ci conosciamo meglio, se siamo più vicini, potremo riuscire a fare dei progetti insieme. Per uscire dalle tende, e per rientrare nella città. In più occasioni ho avuto modo di dire che si corre il rischio, a Torino, di vivere in due città diverse. Ma è altrettanto vero che questa è una città che non vuole abbandonare nessuno».

+ Cesare NOSIGLIA, Arcivescovo di Torino

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome