Festa Maria Ausiliatrice, la processione con l’Arcivescovo

Torino – La sera di mercoledì 24 maggio, Solennità di Maria Ausiliatrice, l’Arcivescovo mons. Roberto Repole ha presieduto la tradizionale processione per le vie di Valdocco che si è conclusa nella Basilica salesiana. Foto gallery a cura di Renzo Bussio 

856

Pubblichiamo l’intervento di mons. Roberto Repole pronunciato sul sagrato della Basilica di Maria Ausiliatrice nella serata del 24 maggio, al termine della processione con la statua della Madonna, che ha guidato con il Rettor Maggiore dei Salesiani don Àngel Fernández Artime. La processione per le vie di Valdocco, molto partecipata nonostante la pioggia battente è stata preceduta dalla statua della Madonna sotto una campana di vetro in segno, come ha spiegato il rettore della Basilica don Michele Viviano, di solidarietà con le persone alluvionate in Emilia Romagna. Era presente anche il sindaco Stefano Lo Russo. Nella preghiera si sono affidate a Maria Ausiliatrice le vittime e per chi ha perso tutto nell’esondazione, la Gmg di Lisbona di agosto e il Sinodo di ottobre. Prima della benedizione, don Leonardo Mancini, ispettore dei Salesiani del Piemonte, ha invitato i tanti fedeli nella piazza a pregare per la comunità cristiana cinese: il 24 maggio, dal 2007 per volere di Papa Benedetto XVI, si celebra anche la Giornata mondiale di Preghiera per la Chiesa Cattolica in Cina dove Maria Ausiliatrice  è venerata nel santuario di Nostra Signora di Sheshan, a Shanghai. (marina lomunno)

Intervento di mons. Roberto Repole, arcivescovo di Torino e vescovo di Susa, al termine della processione per la festa di Maria Ausiliatrice Basilica di Maria Ausiliatrice, Torino 24 maggio 2023

C’è un virus che si insinua impercettibilmente dentro la mentalità nostra, del nostro mondo; è quel virus che ci fa pensare che ciascuno di noi si fa da solo, è artefice di sé stesso… Ma la malattia che questo virus porta è la solitudine. Quando noi pensiamo così, quando noi viviamo così,siamo destinati a essere soli, soprattutto nel momento del bisogno, nel momento in cui avremmo necessità della cura degli altri, perché – se ognuno si fa da sé – nessuno può contare su nessuno. È molto bella questa festa di Maria Ausiliatrice, Auxilium Cristianorum, che – attraverso don Bosco e la famiglia salesiana – è la festa della nostra Chiesa che è in Torino, è la festa di questa città, perché dice qualcosa di chi siamo noi: non donne e uomini che si fanno da soli, ma donne e uomini bisognosi di cura, sempre, in qualunque momento. Lo vediamo di più e lo percepiamo di più in alcune situazioni: un bambino senza cura non sopravvive; un anziano senza cura non sopravvive; un portatore di handicap qualche volta senza cura non sopravvive. Ma nessuno di noi sopravvive senza cura! E la festa di Maria Ausiliatrice ci dice che abbiamo bisogno della cura per essere donne e uomini, anzitutto della cura di Dio, che si fa presente a noi e vicino a noi con la sua tenerezza, anche con gli occhi e con lo sguardo di Maria. Mi piace ricordare quella pagina del Vangelo in cui Maria, senza dire nulla, con il solo sguardo si rende conto del bisogno di coloro che erano alla festa e chiede l’intervento del Signore. Fa così con tutti noi, con ciascuno di noi. E quanto più riconosciamo di avere bisogno della cura di Dio attraverso lo sguardo di Maria, tanto più comprendiamo qualcosa anche di ciò che siamo destinati ad essere: non delle donne e degli uomini che si fanno da soli, ma delle donne e degli uomini che possono prendersi cura del fratello e della sorella come espressione della cura amorevole di Dio. Sarebbe bello ritornare nelle nostre case, questa sera, e vedere di più, in maniera più intensa, più autentica, più vera e più profonda il bisogno di cura di coloro che ci stanno vicini, nelle nostre famiglie, nel pianerottolo delle nostre case, nei nostri posti di lavoro, nelle nostre scuole, sapendo che – per quanto bella possa essere una società – ci saranno sempre delle solitudini e dei bisogni di cura che non saprà vedere; anche per questo esistiamo noi cristiani che, non a caso, invochiamo Maria Ausiliatrice e, attraverso di lei, il Signore della cura.

+ Roberto Repole, Arcivescovo di Torino 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome