Le parrocchie di Mirafiori Sud combattono contro l’abbandono

Periferie – Si rafforza il “Patto di comunità” sottoscritto dalla Fondazione Mirafiori con parrocchie e associazioni per reggere l’uro della nuova crisi. Si punta su giovani e iniziative culturali

165

A Mirafiori Sud sono le parrocchie, in sinergia con le numerose associazioni del quartiere e la Circoscrizione 2, a dare impulso al rilancio di un territorio che ha sempre fatto della parola «accoglienza» il programma di convivenza, dove permangono tutti i problemi delle grandi periferie in trasformazione.

Punto di forza è il «Patto di Comunità», sottoscritto dalla Fondazione Mirafiori con parrocchie e associazioni, che ha permesso di reggere l’onda lunga della pandemia e ora della crisi generata dal rincaro vertiginoso delle utenze e dei prezzi anche dei beni di prima necessità. In particolare sta portando frutto il progetto «ABILI-TIamo Mirafiori»: «si tratta di una campagna di raccolta fondi», sottolinea don Gianmarco Suardi, parroco di Santi Apostoli e Visitazione di Maria Vergine e San Barnaba, «portata avanti la scorsa primavera per sostenere l’autonomia lavorativa e professionale di persone in difficoltà economica che vivono nel quartiere: per esempio l’iscrizione al corso per conseguire il patentino per condurre il muletto o il carrello elevatore, la conversione di una patente rilasciata da uno Stato estero in quella italiana, l’iscrizione a corsi di formazione professionale, corsi di inglese…»

don Gianmarco Suardi

«I Centri d’ascolto delle parrocchie di Mirafiori Sud (Unità pastorale 20)», prosegue don Suardi, «hanno individuato le persone per poi stilare progetti di accompagnamento mirati ad offrire maggiori possibilità di inserimento lavorativo e stabilità economica e non solo aiuti a pioggia, certamente importanti, ma fine a se stessi». La raccolta ha raggiunto 11.900 euro grazie alla generosità di abitanti e aziende del territorio. A questi la Compagnia di San Paolo ha aggiunto ulteriori 10 mila euro portando il fondo a 21.900 euro.

Si sta ampliando anche il progetto «Giovani a Mirafiori» che, sostenuto dalla Fondazione Mirafiori, mira a coinvolgere i giovani nell’organizzazione di tornei sportivi, concerti, spettacoli e, soprattutto, attività di riqualificazione degli spazi pubblici: un antidoto al senso di abbandono. In particolare lo scorso settembre ha preso avvio il «Mira challenge», che prevede una sfida al mese su tre temi: sport, promozione culturale, spazi riconquistati. Imponente, in particolare, la partecipazione dei giovani degli oratori al progetto. «Una preziosa iniziativa», sottolinea don Suardi, «che ha messo insieme oratori, associazioni e cooperative che lavorano sul territorio: la sfida è ora quella di dare continuità perché il progetto non resti solo un spot».

Da ultimo, grazie al neonato «gruppo Cultura» delle parrocchie Santi Apostoli e San Barnaba, in sinergia con l’associazione pindarica, sono state avviate visite guidate, aperte a tutti, alla chiesa seicentesca della Visitazione di Maria Vergine e San Barnaba (strada Castello di Mirafiori 42), e al rifugio antiaereo nei sotterranei dell’edificio religioso. La prossima visita, sul tema «Antico presente», è in programma sabato 3 dicembre dalle 15 alle 16.30 (per prenotazioni: cell. 345.9799026 – offerta libera). «In particolare», sottolinea il parroco, «nel progetto sono coinvolti i ragazzi degli oratori che si stanno aprendo sempre di più al quartiere».

Anche la Circoscrizione 2 nel primo anno di mandato della nuova amministrazione guidata da Luca Rolandi si è data da fare contro il dirottamento dei servizi ai cittadini. «Abbiamo riaperto tutti e 12 i centri di incontro per adulti e anziani presenti nella Circoscrizione (Mirafiori Sud, Mirafiori Nord e Santa Rita)», sottolinea Rolandi, «ne erano rimasti solo due; stiamo predisponendo un progetto per aprire un’aula studio all’interno del centro civico della Cascina Giajone (via Guido Reni 102) che diventerà un presidio e uno sportello di servizi importante; la sede ufficiale della Circoscrizione, invece, sarà in strada comunale di Mirafiori 7, angolo corso Unione Sovietica».

Luca Rolandi, presidente della Circoscrizione 2

La Circoscrizione con i servizi sociali ha, inoltre stanziato 20 mila euro a parrocchie e associazioni a favore delle famiglie in difficoltà, in forte aumento.

Restano i nodi delle risorse e del personale. «Verso le periferie», sottolinea Rolandi, «servono più risorse subito in particolare per la manutenzione delle strade, il decoro pubblico e la cura del verde e dei parchi. Non possiamo restare ad aspettare il Pnrr». Permane poi il problema del personale che sta scomparendo nelle Circoscrizioni: «nonostante gli sforzi della Giunta Lo Russo che ha indetto nuovi concorsi per l’immissione di personale, nell’ultimo anno nella seconda Circoscrizione sono entrate due persone e se sono uscite 15. Le Circoscrizioni vanno ridisegnate con una strategia che punti alla valorizzazione dei quartieri, altrimenti rischiano di implodere», conclude il presidente della Due.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome