Le prossime beatificazioni rimandate per la pandemia

Le date – Il 9 maggio ad Agrigento diventa beato il giudice Rosario Livatino, ucciso dalla mafia; il 6 giugno a Chiavenna (provincia di Sondrio e diocesi di Como) suor Maria Laura Mainetti, uccisa da alcune ragazzine che beneficava; il 12 settembre a Varsavia il cardinale Stefan Wyszinski, primate della Polonia sotto la dittatura comunista

228
Il giudice Rosario Livatino

La carmagnolese Anna Maria Rubatto sarà proclamata santa, presumibilmente in autunno. Per le beatificazioni e canonizzazioni si recupera il tempo della pandemia.

SETTE SANTI – Il 3 maggio 2021 Papa Francesco presiede il concistoro per la canonizzazione di sette beati: Lazzaro Pillai, detto Devasahayam, laico indiano, martire; César de Bus, sacerdote francese, fondatore dei padri della Dottrina cristiana; Luigi Maria Palazzolo, sacerdote bergamasco, fondatore delle Suore delle Poverelle (sei si sono sacrificate in Africa tra i malati di Ebola); Giustino Maria Russolillo, sacerdote napoletano, fondatore dei Vocazionisti e delle Vocazioniste; Charles de Foucauld, sacerdote francese, grande contemplativo che si ritirò nel Sahara; Maria Francesca di Gesù (Anna Maria) Rubatto, carmagnolese, fondatrice della Suore terziarie Cappuccine di Loano; Maria Domenica Mantovani, veronese co-fondatrice delle Piccole suore della Sacra Famiglia.

MARTIRI REDENTORISTI SPAGNOLI – Oltre alla canonizzazione equipollente di Margherita di Città di Castello, cieca e deforme scartata anche dai genitori, Francesco il 24 aprile 2021 ha autorizzato la Congregazione per le cause dei santi a promulgare i decreti che riconoscono il martirio di Vincenzo Nicasio Renuncio Toribio e di 11 compagni della Congregazione del Santissimo Redentore, uccisi in odio alla fede a Madrid nel 1936: nella guerra civile spagnola 1936-1939 si contano finora 1.903 beati e 11 santi. Ha riconosciuto le virtù eroiche, e quindi sono venerabili: Pietro Marcellino Corradini (1658-1743), vescovo di Frascati e cardinale, fondatore della Congregazione delle Suore Collegine della Sacra Famiglia; Emanuele Stablum (1895-1950), medico trentino, religioso dei Figli dell’Immacolata Concezione, che salvò numerosi ebrei; Enrique Ernesto Shaw (1921-1962), francese emigrato in Argentina, imprenditore e padre di famiglia; María de los Desamparados Portilla Crespo (1925-1996), laica spagnola e madre di famiglia; Anfrosina Berardi (1920-1933), bambina abruzzese de L’Aquila, una breve esistenza segnata dalla malattia e dalla preghiera.

CANONIZZAZIONE EQUIPOLLENTE – Francesco conferma le conclusioni della sessione ordinaria di cardinali e vescovi, membri della Congregazione, e decide di estendere alla Chiesa universale il culto della beata Margherita di Città di Castello del Terz’Ordine domenicano: nata intorno al 1287 a Metola nelle Marche e morta in Umbria a Città di Castello (Perugia) il 13 aprile 1320, è iscritta nel catalogo dei santi. La canonizzazione equipollente, applicata a beatificazioni e canonizzazioni, è una prassi grazie alla quale il Papa approva il culto popolare esistente da tempo, senza attendere il miracolo. Dal 2013 al 2021 Francesco ha canonizzato in tutto 899 santi – tra i quali i Papi Giovanni XXIII, Giovanni Paolo II, Paolo VI – e 7 per equipollenza: Angela da Foligno (1248-1309), Pietro Favre (1506-1546), Giuseppe de Anchieta (1534-1597), Maria dell’Incarnazione Guyart (1599-1672), Francesco de Montmorency-Laval (1623-1708), Bartolomeo Fernandes dei martiri (1514-1590) e ora Margherita da Città di Castello.

RECUPERO DEL TEMPO PERDUTO – Le prossime beatificazioni: il 9 maggio ad Agrigento il giudice Rosario Angelo Livatino, ucciso dalla mafia; il 6 giugno a Chiavenna (provincia di Sondrio e diocesi di Como) suor Maria Laura Mainetti uccisa da alcune ragazzine che beneficava; il 12 settembre a Varsavia il cardinale Stefan Wyszinski, primate della Polonia sotto la dittatura comunista. Il 23 aprile a Santa Cruz del Quiché, in Guatemala, sono stati beatificati José María Gran e 9 compagni martiri, 3 sacerdoti e 7 laici dei Missionari del Sacro Cuore di Gesù, «uccisi tra il 1980 e il 1991 – dice il Papa – tempo di persecuzione contro la Chiesa impegnata nella difesa dei poveri. Animati dalla fede in Cristo sono stati eroici testimoni di giustizia e di amore. Il loro esempio ci renda più generosi e coraggiosi nel vivere il Vangelo».

Pier Giuseppe Accornero

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

cinque − due =