Navalny, due anni di guerra: Putin fa paura

Scenari – Il secondo anniversario dell’invasione dell’Ucraina e la morte del principale oppositore del presidente Russo, Alexei Navalny, riaccendono le luci sul conflitto a est dell’Europa, mentre il 24 febbraio si svolge una riunione straordinaria dei leader del G7

79

Una riunione virtuale straordinaria dei leader del G7, sabato pomeriggio, aprirà i consulti al vertice nell’anno di presidenza di turno italiana del Gruppo dei Grandi e segnerà il secondo anniversario dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, presente l’immarcescibile presidente ucraino Zelensky. L’Occidente ribadisce la vicinanza a Kiev, ma lo fa – sostanzialmente – a mani vuote. E sul terreno la guerra va male: gli ucraini, a corto di munizioni, perché gli aiuti militari si sono rarefatti, devono ritirarsi da Avdiivka, città sulla linea del fronte, da mesi contesa, e perdono pure una testa di ponte alla sinistra del Dniepr; i russi segnano i loro primi successi militari importanti da un anno in qua. […]

Per continuare a leggere l’analisi di Giampiero Gramaglia acquista La Voce e il Tempo del 25 febbraio 2024 nelle edicole di Torino e prima cintura 

PER ABBONARSI E LEGGERE ON LINE 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome