Nosiglia con le famiglie Rom per i 50 anni dell’Aizo

Periferia Nord – L’Arcivescovo martedì 13 luglio, in occasione dei 50 anni di fondazione dell’Aizo Rom e Sinti onlus, ha fatto visita al campo nomadi di Strada dell’Aeroporto dove ha guidato una preghiera ecumenica. GALLERY

201

Da 50 anni nei campi nomadi accanto ai bambini, alle mamme ai malati perché nella difesa dei diritti e nella promozione dei doveri del popolo Rom e Sinto si realizzi l’inclusione sociale contrastando le discriminazioni. È la missione dell’Aizo  Rom e Sinti onlus (Associazione italiana zingari oggi)  fondata nel 1971 a Torino, dove c’è la sede nazionale in via Foligno 14: presidente e anima dell’Associazione,  attiva in 15 regioni,  è suor Carla Osella delle Figlie di Sant’Angela Merici, una vita spesa nei campi nomadi torinesi accanto alle famiglie, accompagnando «ad una cittadinanza attiva e responsabile»  con i volontari generazioni di Rom e Sinti.

È a lei che il card. Peter Turkson, prefetto del Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale, ha inviato un messaggio da estendere a tutti i volontari in un’occasione speciale, la  celebrazione per il 50° di fondazione, presieduto da mons. Cesare Nosiglia che, nonostante il violento nubifragio che ha flagellato Torino nel pomeriggio di martedì 13 luglio, si è recato al campo Rom di strada dell’Aeroporto, periferia di baracche che con pioggia e grandine diventa  una distesa di fango.

Attendono l’Arcivescovo che qui è di casa – mons. Nosiglia, fin dall’inizio del suo episcopato a Torino visita regolarmente i campi (nel 2012 l’Arcivescovo aveva dedicato una lettera pastorale ai nomadi intitolata  «Non stranieri ma concittadini e familiari di Dio») – suor Carla che fa gli onori di casa (nella grande baracca al centro del campo allestita per l’incontro), i volontari dell’Aizo, don Angelo Zucchi, parroco della vicina San Giuseppe Cafasso che con la Caritas parrocchiale offre aiuti alle famiglie nomadi e poi tanti bambini, mamme, giovani.

Nella Torino città dei santi sociali «non sorprende che nel 1971 il Signore abbia promosso tra voi un organismo destinato ad impegnarsi nel riconoscimento dei diritti fondamentali tra i Rom che in Europa, erano allora ‘gli ultimi degli ultimi’», ha scritto il card. Turkson nel messaggio letto all’inizio della preghiera. Il cardinale ha evidenziato la scelta della famiglia come strumento di azione pastorale dell’Aizo nel solco del Magistero dei vari Pontefici: «le famiglie Rom sono come la Chiesa e come dice Papa Francesco ‘maestre in umanità’».

Parole che hanno introdotto la preghiera ecumenica guidata da mons. Nosiglia, accolto con affetto e commozione: delle 35 famiglie che vivono qui, in totale circa 150 persone, ci sono cattolici, ortodossi e musulmani. «Ma Dio ama tutti», ha sottolineato l’Arcivescovo commentando il Vangelo della «Tempesta sedata», che ha richiamato tutti i presenti alla pioggia scrosciante che martellava sulle lamiere delle baracche.

«E, come nel brano che abbiamo letto, se cerchiamo il Signore lui non ci abbandona, ci sostiene nelle tempeste della vita se ci aiutiamo gli uni gli altri». Poi la preghiera dei bambini, dei ragazzi e delle mamme, per «la salute del Papa in ospedale», per l’Arcivescovo «che spesso ci viene a trovare e non si dimentica di noi», «per i volontari e suor Carla che ci aiutano», «per gli insegnanti delle scuole», «per i nostri defunti, per i malati, per nostri  parenti in carcere». La preghiera finisce con la benedizione di Nosiglia sui più piccoli che lo vorrebbero abbracciare ma le norme anticovid non lo consentono: in questo campo 14 persone si sono contagiate e, grazie ai volontari dell’Aizo, l’emergenza è stata contenuta».

Poi la consegna all’Arcivescovo di un «grazie» con una targa a ricordo di mezzo secolo di presenza dell’Aizo accanto a chi vive ai margini della città. Alcune mamme chiedono «a padre Cesare» un aiuto perché i servizi igienici del campo – che si teme venga smantellato – e l’assistenza di malati e i minori non venga a mancare. Mons. Nosiglia, ascolta e prende nota, promettendo di riferire ai servizi sociali.

«Come per l’ex Moi, le palazzine dell’ex Villaggio olimpico occupate dai profughi, che diventeranno un polo di housing sociale,  grazie alla mediazione della diocesi, anche per i campi rom» auspica l’Arcivescovo «è necessario costituire al più presto una ‘cabina di regia’ a cui siano presenti  istituzioni,  agenzie economiche,  rappresentanti dei cittadini e anche delle famiglie rom realmente interessate a un cammino di dialogo e di integrazione, puntando sull’inserimento dei ragazzi nel sistema scolastico e dei giovani che vogliono cercare un’integrazione concreta nella formazione professionale per avviarli a un lavoro».

  • Per informazioni e per sostenere le attività dell’Aizo: www.aizo.it; info@aizo.org, tel. 011.7496016; 348.8257600.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

uno × cinque =