Nosiglia rilancia l’appello di Mattarella alla dignità dei lavoratori

Dichiarazione – L’Arcivescovo rilancia l’appello a mettere al centro la dignità delle persone che il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha rivolto all’Italia nel discorso di insediamento per il suo secondo mandato. In particolare mons. Nosiglia prende ad esempio il caso ex Embraco in cui in primo luogo “è la dignità dei lavoratori e delle loro famiglie ad essere stata calpestata”

97
Mons. Cesare Nosiglia

Di seguito pubblichiamo la dichiarazione rilasciata venerdì 4 febbraio dall’Arcivescovo di Torino, mons. Cesare Nosiglia, all’indomani del discorso di insediamento per il secondo mandato del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

«Per 18 volte il Presidente della Repubblica ha usato, nel discorso di insediamento, la parola “dignità”. Come dire che tra le principali necessità del nostro Paese c’è il rispetto per le persone. Se non si riconosce la dignità di ogni persona, finiamo per rassegnarci ad accettare la miseria e le disuguaglianze. Prendiamo per buone le spiegazioni “economiche” che abbandonano famiglie, anziani, bambini a se stessi.

Non posso non raccogliere, nelle parole del Presidente, un richiamo diretto a certe situazioni nostre del territorio torinese, e in particolare a quella dei lavoratori della ex Embraco. La vicenda imprenditoriale e sindacale si è conclusa, almeno sul piano formale e delle procedure legali. Ma il problema, la questione drammatica che il caso Embraco, in questi quattro anni, ha sollevato, rimane tutta intera e aperta. Ed è questione che riguarda tutti, non solo i lavoratori e le loro famiglie, non solo il sindacato, la Regione e il Governo nazionale.

Perché in questi anni, al di là di qualunque valutazione economica o produttiva, al di là della disinvoltura affaristica di alcuni, è la dignità delle persone dei lavoratori e delle loro famiglie ad essere stata calpestata.

Mi auguro che all’appello del Presidente della Repubblica tutti facciamo seguire gesti concreti. Tutti, a cominciare dai governi locali e da chi rappresenta il Piemonte nelle istituzioni nazionali.

Dobbiamo uscire dagli equivoci. Diceva mons. Helder Camara: “Quando dò cibo ai poveri mi chiamano santo. Quando domando perché i poveri non hanno cibo, dicono che sono un rivoluzionario”»…

+ Cesare NOSIGLIA 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome