Nosiglia scrive ai musulmani per la fine del Ramadan

Festa del Eid Al Fitr” – L’Arcivescovo, in occasione della fine del mese di digiuno del Ramadan (12-13 maggio 2021) ha inviato un messaggio ai fedeli musulmani residenti sul territorio della Diocesi di Torino

180
Foto Vatican news

Cari amici musulmani,

volge al termine il mese di Ramadàn dell’anno 2021, tempo benedetto dedicato al digiuno, alla preghiera e all’elemosina. La diffusione del Covid, per la seconda volta, ha condizionato la presenza al culto comunitario di tutti i credenti ma, diversamente dall’anno scorso, chiese e moschee non sono stati chiuse, nel rispetto di cautele e norme di sicurezza e con un numero ridotto di fedeli. Dunque, un passo avanti nella speranza che, per gli effetti benefici del vaccino antiCovid, i luoghi di culto possano presto accogliere tutti i fedeli. Auspichiamo che, nonostante le difficoltà, il dialogo, l’incontro e la conoscenza reciproca tra cristiani e musulmani ritrovino adeguato slancio.

Quest’anno, come e più dello scorso anno, è stata sollecitata l’opera dei cittadini italiani a soccorso delle fragilità già presenti e ingigantite dalla pandemia. In Italia abbiamo ormai toccato i 120.000 morti per Covid (una città di medie dimensioni è scomparsa!). Tutto è diventato problematico: assistere e curare adeguatamente i malati e gli anziani, garantire il funzionamento normale della sanità pubblica, in grave difficoltà, garantire la presenza a scuola dei figli, la crisi dei trasporti, l’aumento delle povertà, la perdita del lavoro, le restrizioni sociali e dei rapporti interpersonali ecc. Tutto questo ci ha rattristati e persino prostrati, in certi momenti. Tuttavia, constatiamo che la gente ha reagito spesso con creatività per affrontare tali problemi.

Come non ricordare con gratitudine i numerosi medici e infermieri esemplari che hanno assistito i malati fino allo stremo delle forze? E oltre duecento di essi hanno dato la vita lavorando “in prima linea” con i malati. E come dimenticare i numerosi volontari che hanno assistito a domicilio o in varie istituzioni i poveri bisognosi di pasti, medicine, visite mediche, soccorso urgente.

I credenti autentici hanno potuto affrontare i disagi con armi spirituali più forti la fede, la preghiera, il valore della persona umana,che hanno “attenuato” in parte le angosce, sostenuto con forza il dolore e il pensiero della morte e riempito di speranza, pazienza e benevolenza questa difficile situazione pandemica.È terminata la Quaresima dei cristiani e i musulmani giungono al termine del mese benedetto di Ramadàn: ma pensiamo che essi sono solo “un allenamento”, che ci proietta nell’immediato futuro di una rinnovata dedizione a Dio, di conver-sione dei nostri cuori esollievo delle fatiche degli uomini.

Le necessità ci chiamano a prolungare il sevizio dei più deboli e bisognosi, per quanto attiene alle nostre possibilità.Voglio ricordare l’inizio del “Documento sulla Fratellanza Umana per la pace mondiale e la convivenza Comune”, sottoscritto ad Abu Dhabi (4 febbraio 2019) da Papa Francesco e dal Grande Imam di AlAzhar Ahmad AlTayyeb, che afferma: «La fede porta il credente a vedere nell’altro un fratello da sostenere e da amare.

Dalla fede in Dio, che ha creato l’universo, le creature e tutti gli esseri umani uguali per la Sua Misericordia , il credente è chiamato a esprimere questa fratellanza umana, salvaguardando il creato e tutto l’universo e sostenendo ogni persona, specialmente le più bisognose e povere». Imitiamo dunque il Misericordioso, Creatore di tutti gli uomini e Provvidente, che si serve delle nostre mani e dei nostri cuori per raggiungere i più deboli e i poveri. Mi è caro porgere un saluto a tutte le vostre famiglie e mandare una carezza ai vostri bambini. Vi auguro buon Eid alFitr.

+ Cesare NOSIGLIA

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

due × 3 =