Papa Francesco, appello a far memoria dell’Olocausto

Vaticano – Al termine della tradizionale udienza del mercoledì, Papa Francesco ha fatto appello, alla vigilia della Giornata internazionale della memoria delle vittime dell’Olocausto ad educatori e famiglie, affinchè favoriscano la consapevolezza di quanto accadde. Appello accorato anche a pregare per la pace in Ucraina

124

«Domani si celebra la Giornata internazionale della memoria delle vittime dell’Olocausto. È necessario ricordare lo sterminio di milioni di ebrei e persone di diverse nazionalità e fedi religiose. Non deve più ripetersi questa indicibile crudeltà! Faccio appello a tutti, specialmente agli educatori e alle famiglie, perché favoriscano nelle nuove generazioni la consapevolezza dell’orrore di questa pagina nera della storia. Essa non va dimenticata, affinché si possa costruire un futuro dove la dignità umana non sia più calpestata».
Con queste parole mercoledì 26 gennaio Papa Francesco si è rivolto ai fedeli al termine della tradizionale udienza del mercoledi. Appello a fare memoria guardando anche ai drammi che l’odio continua ad alimentare e per questo dopo il riferimento all’Olocausto il Papa ha rinnovato l’esortazione a pregare per la situazione dell’Ucraina: «vi invito a pregare per la pace in Ucraina, e a farlo spesso nel corso di questa giornata: chiediamo con insistenza al Signore che quella terra possa veder fiorire la fraternità e superare ferite, paure e divisioni. Abbiamo parlato dell’olocausto. Ma pensate che [anche in Ucraina] milioni di persone sono state annientate [1932-1933]. È un popolo sofferente; ha sofferto la fame, ha sofferto tante crudeltà e merita la pace. Le preghiere e le invocazioni che oggi si levano fino al cielo tocchino le menti e i cuori dei responsabili in terra, perché facciano prevalere il dialogo e il bene di tutti sia anteposto agli interessi di parte. Per favore, mai la guerra».

Nella catechesi ancora il riferimento alla figura di Giuseppe, in particolare ai suoi sogni, alla sua fiducia in un Dio presente nelle fatiche, a quel coraggio che rischia di venir meno ai genitori oggi in mezzo a tante difficoltà: «Penso in questo momento a tante persone che sono schiacciate dal peso della vita e non riescono più né a sperare né a pregare. San Giuseppe possa aiutarle ad aprirsi al dialogo con Dio, per ritrovare luce, forza e pace. E penso anche ai genitori davanti ai problemi dei figli. Figli con tante malattie, i figli ammalati, anche con malattie permanenti: quanto dolore lì. Genitori che vedono orientamenti sessuali diversi nei figli; come gestire questo e accompagnare i figli e non nascondersi in un atteggiamento condannatorio. Genitori che vedono i figli che se ne vanno, muoiono, per una malattia e anche – è più triste, lo leggiamo tutti i giorni sui giornali – ragazzi che fanno delle ragazzate e finiscono in incidente con la macchina. I genitori che vedono i figli che non vanno avanti nella scuola e non sanno come fare… Tanti problemi dei genitori. Pensiamo a come aiutarli. E a questi genitori dico: non spaventatevi. Sì, c’è dolore. Tanto. Ma pensate come ha risolto i problemi Giuseppe e chiedete a Giuseppe che vi aiuti. Mai condannare un figlio».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

19 − uno =