Papa Francesco, appello per il Myanmar

Vaticano – Mercoledì 3 marzo al termine della consueta catechesi del mercoledì papa Francesco ha fatto appello alla situazione in Myanmar e ha affidato alla preghiera di tutti l’imminente viaggio in Iraq

56

«Giungono ancora dal Myanmar tristi notizie di sanguinosi scontri, con perdite di vite umane. Desidero richiamare l’attenzione delle Autorità coinvolte perché il dialogo prevalga sulla repressione e l’armonia sulla discordia. Rivolgo anche un appello alla Comunità internazionale, perché si adoperi affinché le aspirazioni del popolo del Myanmar non siano soffocate dalla violenza. Ai giovani di quell’amata terra sia concessa la speranza di un futuro dove l’odio e l’ingiustizia lascino spazio all’incontro e alla riconciliazione. Ripeto, infine, l’auspicio espresso un mese fa: che il cammino verso la democrazia, intrapreso negli ultimi anni dal Myanmar, possa riprendere attraverso il gesto concreto della liberazione dei diversi leader politici incarcerati». Con queste parole Papa Francesco al termine della tradizionale catechesi del mercoledì, il 3 marzo, ha ricordato la grave situazione del paese asiatico. Appello alla pace e al dialogo, parole che caratterizzeranno anche l’imminente viaggio in Iraq per il quale, sempre al termine dell’udienza, ha chiesto che si preghi.

Dopodomani, Dio volendo, mi recherò in Iraq per un pellegrinaggio di tre giorni. Da tempo desidero incontrare quel popolo che ha tanto sofferto; incontrare quella Chiesa martire nella terra di Abramo. Insieme con gli altri leader religiosi, faremo anche un altro passo avanti nella fratellanza tra i credenti. Vi chiedo di accompagnare con la preghiera questo viaggio apostolico, perché possa svolgersi nel migliore dei modi e portare i frutti sperati. Il popolo iracheno ci aspetta; aspettava San Giovanni Paolo II, al quale è stato vietato di andare. Non si può deludere un popolo per la seconda volta. Preghiamo perché questo viaggio si possa fare bene».

Invito alla preghiera dunque al termine di una catechesi che continua ad affrontare il tema dell’orazione, rapportata in questo mercoledì al mistero della Trinità. Una riflessione sul rapporto tra il Padre il Figlio e lo Spirito e la nostra umanità e limitatezza che non preclude alcun dialogo. Papa Francesco ha infatti ricordato anzitutto che «Dialogare con Dio è una grazia: noi non ne siamo degni, non abbiamo alcun diritto da accampare, noi “zoppichiamo” con ogni parola e ogni pensiero… Però Gesù è la porta che ci apre a questo dialogo con Dio».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

1 + 11 =