La catechesi del Vescovo per i giovani si sposta al Santo Volto

Secondo incontro – Venerdì 15 dicembre alle 21 non più in Duomo, ma al Santo Volto. Cambia la sede del percorso di catechesi «Vedere la Parola» proposto ai giovani dai 18 ai 30 anni dall’Arcivescovo mons. Roberto Repole

166

Venerdì 15 dicembre non più in Duomo, ma al Santo Volto. Cambia la sede del percorso di catechesi «Vedere la Parola» proposto dal Vescovo con la Pastorale Giovanile delle diocesi di Torino e di Susa per far conoscere ai giovani la bellezza del Cristianesimo, per far sperimentare loro – come nei brani evangelici che costituiscono il filo rosso del percorso – che l’incontro con Gesù di Nazareth è possibile. Ed è un incontro che cambia la vita, che provoca, che scava nel cuore dell’uomo duemila anni fa come oggi.

Cambia la sede perché il primo appuntamento, il 17 novembre, ha avuto una risposta che da un punto di vista numerico ha fatto apparire la Cattedrale troppo piccola per contenere tutti gli oltre mille giovani convenuti. L’auspicio, inoltre, è che il «passaparola» su una esperienza che tanti hanno valutato positivamente faccia ancora incrementare il numero dei partecipanti, rendendo dunque necessari gli spazi più ampi della chiesa del Santo Volto e dove – per la presenza del foyer del Centro congressi sottostante – anche il momento di festa successivo, potrà essere garantito in caso di maltempo.

Se il 17 novembre era stato il dialogo con il «Giovane Ricco» a mostrare ai giovani un orizzonte di vita che va oltre se stessi, che stimola ad orizzonti alti, il 15 dicembre ad alimentare preghiera e riflessione sarà l’incontro con la Maddalena.

Come per la prima catechesi anche questa volta il percorso sarà suddiviso in tre tappe in cui l’Arcivescovo commenterà l’incontro della  Maddalena inframmezzate da video e musiche a cura del Coro Hope e del Coro del Sermig. Un incontro che metterà in luce il sentimento di tristezza che pervade il cuore in alcuni momenti della vita e la risposta che la fede offre. Il passaggio dalla morte alla Resurrezione che si sperimenta anche nel cammino spirituale e che ci interroga. La possibilità di intravvedere il «volto amico» di Dio nei volti delle persone con cui si condivide un pezzo di cammino.

La catechesi come di consueto si tiene alle ore 21 ed è rivolta ai giovani dai 18 ai 30 anni. Potrà essere anche seguita in streaming sui canali social della diocesi e della Pastorale giovanile di Torino. Mentre attraverso un Qr code si potranno recuperare i testi e gli approfondimenti curati dalla Commissione di Pastorale giovanile (informazioni su www.upgtorino.it).

Commissione che dopo la prima catechesi ha già raccolto una serie di osservazioni sulla «formula del percorso» e che si ritroverà in Seminario maggiore il 16 dicembre (10-13) per proseguire nel cammino di confronto e costruzione condivisa di un itinerario pastorale che coinvolga sempre più i giovani, le parrocchie, le associazioni.

L’incontro sarà trasmesso in diretta streaming: 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome