Stellantis ai lavoratori, perchè non vi licenziate?

Mirafiori – Licenziarsi e andare a «costruire il proprio futuro» fuori dalle fabbriche Stellantis, l’ex gruppo Fiat. In sintesi è questo il messaggio contenuto in una mail che molti dipendenti italiani dell’azienda automobilistica, in particolare impiegati, hanno ricevuto nei giorni scorsi: alcune migliaia di lavoratori solo nell’area torinese

1348
Lo stabilimento di Mirafiori dall'alto

Licenziarsi e andare a «costruire il proprio futuro» fuori dalle fabbriche Stellantis, l’ex gruppo Fiat. In sintesi è questo il messaggio contenuto in una mail che molti dipendenti italiani dell’azienda automobilistica, in particolare impiegati, hanno ricevuto nei giorni scorsi: alcune migliaia di lavoratori solo nell’area torinese. La mail propone ai dipendenti una scelta pesante: licenziarsi volontariamente, entro la fine del 2023, in cambio di una buonuscita. È il programma «Costruisci il tuo futuro». Gli «incentivi all’esodo» dei lavoratori non sono una novità nella storia dell’ex Fiat, ma questa volta Stellantis ha alzato l’offerta e aumentato i destinatari, in un «Lascia o Raddoppia» che promette di premiare chi accetterà la scommessa di uscire volontariamente.

La comunicazione è personalizzata, con lessico da marketing e toni amichevoli: l’offerta economica si compone di un «incentivo in base all’età, ulteriori 3 mensilità previste dall’accordo del 13 ottobre 2023 e indennità di mancato preavviso». A un impiegato torinese, che fra 7 anni andrebbe in pensione, sono stati ad esempio proposti 131 mila euro per lasciare l’azienda subito. A questo indennizzo va sommato il trattamento di fine rapporto, oltre al diritto all’indennità mensile di disoccupazione, garantita dall’azienda anche se il licenziamento sarà volontario. […]

Per continuare a leggere l’articolo acquista La Voce e il Tempo del 19 novembre 2023 nelle edicole di Torino.

PER ABBONARSI E LEGGERE ON LINE 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome