Torino accoglie la Luce della pace di Betlemme

Con gli scout – Anche quest’anno arriva a Torino, sabato 16 dicembre, la Luce di Betlemme che arde perennemente nella Basilica della Natività alimentata dall’olio donato a turno da tutte le nazioni cristiane del pianeta. Giungerà alle 17.54 a Porta Susa, alle 18.06 a Porta Nuova e alle 18.37 alla stazione di Lingotto, dove gli Scout si occuperanno della distribuzione a parrocchie, comunità, associazioni

350

Anche quest’anno arriva a Torino, sabato 16 dicembre, la luce di Betlemme che arde perennemente nella Basilica della Natività alimentata dall’olio donato a turno da tutte le nazioni cristiane del pianeta. Una fiamma che proviene dalla Terra Santa nuovamente insanguinata dalla guerra.

La Luce dal 1986 ogni anno giunge in Austria e dunque in tutta Europa. Sin da subito a mettersi a disposizione per la distribuzione di questo segno di pace e fratellanza tra i popoli sono stati gli scout austriaci e, dallo stesso anno, anche gli scout italiani hanno cominciato a portarla nel nostro Paese. Dal 1994 un comitato spontaneo formato da scout del nord-est d’Italia si reca a Vienna per accogliere la Luce. Da Trieste inizia poi la staffetta via treno che di stazione in stazione, grazie all’impegno dei volontari dell’Agesci (Associazione guide e scout cattolici italiani) e del Masci (Movimento adulti scout cattolici italiani), raggiunge le principali città italiane. Questo simbolo della pace, della fratellanza e dell’Amore di Dio (non a caso arde da secoli proprio dove nacque Gesù) assume ancora più importanza in questi duri anni in cui i venti di guerra soffiano in diversi scenari del mondo, non solo in Ucraina e in Israele/Palestina: sono una miriade i conflitti «che non fanno notizia», in particolare in Africa.

Proprio per la guerra nella Striscia di Gaza il viaggio della Luce di Betlemme è stato modificato: la fiamma non è partita come di consueto dall’aeroporto di Tel-Aviv, ma è stata portata in Giordania ed è decollata dall’aeroporto di Amman.

A Torino arriva sabato 16 dicembre alle 17.54 a Porta Susa, alle 18.06 a Porta Nuova e alle 18.37 alla stazione di Lingotto, dove i volontari si occuperanno della distribuzione a parrocchie, comunità e associazioni.

Proprio a Porta Susa (lato piazza XVIII Dicembre), alle 17.30, l’Agesci e il Masci di Torino, alla presenza di alcuni rappresentanti del Consiglio Comunale e del Consiglio Regionale, hanno organizzato un momento di preghiera e riflessione in attesa dell’arrivo e della distribuzione della Luce di Betlemme. Momento centrale sarà la condivisione da parte di ciascuno dei partecipanti su «Per me la Pace è…», per non dimenticarcene mai l’importanza della pace, anche in periodi bui come quelli che stiamo vivendo, «con una terza guerra mondiale combattuta a pezzetti», come più volte ha affermato Papa Francesco. Chi vorrà potrà ricevere la Luce per poi portarla nelle proprie parrocchie, comunità e famiglie. Domenica 17, alle 17, le comunità Masci del Torino 3 e di Settimo Torinese, insieme al gruppo scout Agesci di Venaria, porteranno la Luce di Betlemme a Superga per consegnarla alla comunità del Sermig, mentre il gruppo scout Agesci Rivoli 1 la recapiterà all’Arsenale della Pace in piazza Borgo Dora.

Per informazioni: https://piemonte.agesci.it/.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome