Torino e Susa avranno un unico Consiglio Pastorale

Decreto – Le Diocesi di Torino e di Susa avranno un solo Consiglio Pastorale, unitario. Questa grossa novità, orientata all’integrazione delle due Chiese confinanti, unite nella persona del Vescovo, viene annunciata su «La Voce e Il Tempo» da un decreto che indice le elezioni per la formazione del nuovo Consiglio. La fase elettorale dovrà concludersi entro il 15 gennaio 2024

220
Mons. Roberto Repole

Con Decreto del 10 novembre 2023 l’Arcivescovo di Torino e vescovo di Susa mons. Roberto Repole ha disposto la costituzione di un unico Consiglio Pastorale diocesano per l’Arcidiocesi di Torino e la Diocesi di Susa e l’avvio contestuale delle operazioni per la designazione dei membri per il quinquennio 2024 – 2028, essendo ormai in scadenza o scaduti i mandati dei precedenti Consigli pastorali diocesani.

La proposta di un unico Consiglio, si legge nel Decreto arcivescovile, è connessa alla «necessità di compiere passi che rendano possibile una pastorale più integrata tra l’Arcidiocesi di Torino e la Diocesi di Susa unite in persona episcopi», d’intesa con il Consiglio episcopale e visti i canoni 511-514 del Codice di Diritto Canonico.

I membri saranno designati secondo le «Norme per la costituzione del Consiglio Pastorale diocesano per il quinquennio 2024-2028». A queste Norme faranno seguito le disposizioni degli Statuti che saranno promulgati con l’entrata in funzione del nuovo Consiglio.

Nel decreto sono inoltre indicati i membri delle Commissioni elettorali centrali per Torino e Susa, «con il mandato di coordinare le operazioni di preparazione, svolgimento e scrutinio delle elezioni, secondo quanto previsto nelle Norme».

Le operazioni per la designazione dei membri per il nuovo Consiglio Pastorale diocesano si dovranno concludere, sia per i ministri sacri che per i laici, entro il 15 gennaio 2024; il nuovo Consiglio entrerà in funzione il 16 gennaio 2024.

«A entrambe le comunità diocesane», scrive mons. Repole, «chiedo di accompagnare con incessante e fiduciosa preghiera questo delicato momento di discernimento e di unirsi alla mia grande riconoscenza per quanti – sacerdoti, diaconi permanenti, consacrati e consacrate, laici e laiche – nel mandato che si sta concludendo hanno fatto parte di questi Organismi di partecipazione, offrendo la loro generosa opera con zelo e disponibile generosità. Affido a Maria, Vergine Consolata e Signora del Rocciamelone, il nuovo tratto di cammino delle nostre amate Chiese».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome